Dance On a Volcano

Tazenda

Sardinia mea, regina, mere de su mare
Ti pico a ballare ca cherzo faeddare
Sardinia ‘e cantos, Sardinia ‘e ispantos
Ti cherzo buliare, ti cherzo frimmare

Cherzo connoscher sa rejone
De sa nostra maledissione

Ello, ello sorre mala, ello sorte mala
Juches in sa cara, in su risu, in sas venas
Sardinia femina mala, su cunnu a su sole
Tue pones. Ispantu! Itte cheres fachere?

Si b’at resposta est in su ‘entu
E si b’at bentu fuidi ‘ia

Ma si naschet unu frore solu
Ue si siat est beranu

Sardinia, terra de falsos poetas
E de mortores beros
Ti lasso augurios sintzeros
Sardinia bella, istella ‘e su chelu:
Ti brujes su culu
E a s’inferru tue fales in bolu

Sos perdidores ’scrient s’istoria
Sos binchidore’ appent sa gloria

Ma si naschet unu frore solu
Ue si siat est beranu

Sardinia mea, regina, mere de su mare
Ti pico a ballare ca cherzo faeddare


(Italiano)

Sardegna mia, regina, padrona del mare
Ti prendo a ballare perché voglio parlare
Sardegna di canti, Sardegna di meraviglie
Ti voglio sconvolgere, ti voglio fermare

Voglio conoscere la ragione
Della nostra maledizione

Sorella cattiva, cattiva sorte
Porti nel viso, nel sorriso, nelle vene
Sardegna, donnaccia, la figa al sole
Tu metti. Meraviglia! Cosa vuoi fare?

Se c’è risposta è nel vento
E se c’è vento fugge via

Ma se nasce un solo fiore
E’ primavera ovunque

Sardegna, terra di falsi poeti
E di veri assassini
Ti lascio auguri sinceri
Sardegna bella, stella del cielo:
Ti possa bruciare il culo
E possa tu precipitare in volo all’inferno

I perdenti scrivono la storia
I vincitori abbiano la gloria

Ma se nasce un solo fiore
E’ primavera ovunque

Sardegna mia, regina, padrona del mare
Ti prendo a ballare ché voglio parlare
Editar playlist
Apagar playlist
tem certeza que deseja deletar esta playlist? sim não

Momentos

O melhor de 3 artistas combinados